Repubblica Italiana
  • Home /  
  • Dai Territori /  
  • Comune di Briga Novarese Current section: Comune di Briga Novarese

Dai Territori 02 Aug 22

Comune di Briga Novarese

Pubblichiamo l'intervento di Chiara Barbieri, sindaco di Briga Novarese, in Piemonte, dove sono stati attivati gli hotspot gratuiti e che si aggiunge ai Comuni che hanno aderito al Progetto WiFi Italia.

La storia ufficiale di Briga inizia con la prima citazione della sua esistenza nella concessione fatta dall'imperatore Corrado III a Guido di Biandrate nel 1140. Di quell’epoca non ci resta molto altro al di là delle ripetute concessioni imperiali del Barbarossa e dei suoi successori, del trattato di Zottico del 1202 tra Novaresi e Biandrate per il quale Briga passava sotto il Comune di Novara con condizioni piuttosto pesanti sia livello fiscale che di numero di fuochi (non poteva averne più di cento); rimangono poi due documenti del 1237 sulla controversia tra lo scomunicato Anrico ed il chierico e presbitero Golzano, conseguenza probabile dell’alternarsi di Vercellesi e Novaresi nel dominio delle nostre terre. Rimangono poi anche alcune consignationes alla chiesa pievana di Gozzano, attraverso le quali sappiamo che nel XIV secolo a Briga esistevano tre chiese, testimonianza di una certa importanza: la parrocchiale di S. Giovanni Battista, San Tommaso e San Colombano.

L'effimero dominio dei Conti di Biandrate non durò probabilmente più di un secolo e, per certi versi, fu il periodo di maggior importanza per Briga, la sua prima occasione poi mancata per la progressiva caduta dei Conti, coinvolti prima nella sconfitta del Barbarossa poi piegati dai Comuni di Novara e di Vercelli; l'abbattimento della torre del castello di Briga, che era uno dei più forti dei Biandrate, può essere ritenuto il simbolo di questa caduta; così come il sorgere del borgofranco di Borgomanero con il consolidarsi del dominio vescovile a Gozzano chiuse Briga tra due forze alle quali non poteva opporsi. L'arrivo dei Brusati, novaresi guelfi che vi costruirono una torre, sembrò per qualche verso offrire una ulteriore occasione al paese, ma la sconfitta degli stessi ad opera dei Tornielli ghibellini, come ci racconta l'Azario, eliminò subito ogni illusione. I secoli XIV e XV per Briga furono i più oscuri. Il consolidarsi del potere dei Visconti e le loro guerre con il marchese di Monferrato non tralasciarono di recar danni anche a Briga, danni che andavano ad aggiungersi a quelli che in precedenza aveva già subito dai Novaresi e dai Tornielli.

Dalla seconda metà del XVI secolo, dopo il Concilio di Trento, la compilazione dei Libri della costituita Parrocchia sciolta dai vincoli della Pieve come testimoniato dalla separazione del battistero accordata nel 1553, ci lascia qualche testimonianza anche degli uomini e delle donne di Briga. Nonostante pestilenze, alloggiamenti dei soldati, invasioni, guerre, terribili inasprimenti fiscali, la necessità di emigrare in cerca di miglior fortuna, la popolazione cominciò a crescere lentamente, pur con alti e bassi, sino a raggiungere i 450 abitanti alla fine del Settecento. In quei duecento anni così difficili quegli antichi brighesi rinnovarono la Parrocchiale, costruirono o restaurarono altre sei chiese, lasciando fortunatamente intatta pur nel suo progressivo deterioramento solo quella di San Tommaso. In quel periodo, per quest’ultimo verso straordinario, i personaggi della storia di Briga o, meglio, quelli che potremmo definire tali nei limiti del paese, furono gli ultimi Brusati, il capitano Gattico, i feudatari camerali – Arrigoni, Caxa, Rossi – che quasi non si vedevano in paese e, soprattutto, i parroci, non tanto per il ruolo quanto per i ricordi che ci hanno lasciato.

La popolazione di Briga, nel corso degli ultimi due secoli passati fino ad oggi, è addirittura più che sestuplicata; le testimonianze lasciateci da questi più vicini nostri predecessori hanno caratteristiche diverse rispetto a quelle lasciateci dai loro; le chiese non furono più l’unico punto di riferimento, anche se fu ampliata la parrocchiale negli anni Trenta del Novecento. Si andò più sui servizi con i palazzi municipali, i nuovi cimiteri, le fabbriche, le scuole, l’asilo, l’oratorio, i ponti, le strade, i campi sportivi, le rotonde...

Certo il paesaggio di Briga è molto cambiato: non ci sono quasi più le vigne che ricoprivano i colli, non più i gelsi così diffusi sino ai primi del Novecento, non ci sono più stalle; ma sono spariti senza alcuna traccia anche i luoghi consacrati dai morti d’un tempo. Erano attorno alla chiesa di San Tommaso i più antichi e poi nella Chiesa Parrocchiale o attorno ad essa o nell’Ossario, circondati dalle sfortunate cappelle della Via Crucis, oppure nel Lazzaretto in cima al paese o nel vecchio sparito cimitero ottocentesco.

Tradizione e innovazione: proprio per tramandare la tradizione in questi ultimi anni in occasione della festa dell’albero abbiamo messo a dimora parecchie piante di gelso; inoltre una famiglia brighese sta riportando a vigneto una buona parte della collina che era ormai divenuta gerbido. L’innovazione è una opportunità per fornire servizi sempre più efficienti ai cittadini e per conservare la memoria della nostra storia, per questo abbiamo deciso di aderire al progetto Wifi Italia, che ci consente di far parte di una rete wifi nazionale, pubblica e gratuita”.