Repubblica Italiana

Dai Territori 31 Aug 21

Comune di Gambugliano

Pubblichiamo l'intervento di Matteo Forlin, Sindaco di Gambugliano , nel Veneto , dove sono stati attivati gli hotspot gratuiti e che si aggiunge ai Comuni che hanno aderito al Progetto WiFi Italia.

“L’amministrazione di Gambugliano vuole fornire ai propri cittadini sempre nuovi servizi e, far parte del Progetto Piazza WiFi Italia, rete nazionale pubblica e gratuita, vuol dire compiere un passo deciso verso la digitalizzazione del paese.

Le nostre terre furono abitate in epoca pre-romana probabilmente dagli Euganei (i più antichi abitanti dell'Italia Nord Orientale di tipo preindoeuropeo), sospinti dalla pianura nelle zone collinari e montuose dai Veneti, e con questi fusisi per usi e cultura simili tra di loro intorno al primo millennio a.c.. Il culto dei morti che queste popolazioni attuavano, raccolta delle ceneri in vasi accanto al sistema della sepoltura, anticipò gli usi adottati dai romani. Che il territorio fosse poi insediato dai romani non vi è dubbio visto come è evidenziato anche dal toponimo di una via “Pocastro”, una chiara volgarizzazione del latino “post castrum” indicante un sito alle spalle dell'accampamento militare.

Furono i Benedettini, nel secolo VIII che contribuirono a bonificare il territorio e a fondare la chiesa che, pare ormai accertato, risalga prima dell'anno 1000.

Le fonti parlano dell'esistenza di un Castello, ora completamente distrutto, e che si trovava nella attuale "Contrà del Castello". Aveva una doppia cerchia di mura di difesa con una platea a forma ellittica del diametro medio di dieci metri. Il castello non risulta elencato in nessuno dei diplomi imperiali donati ai Vescovi vicentini e questo fa pensare che non si trattasse di un castello vescovile; però nei libri dei feudi della mensa vescovile G. viene indicato " Feudum antiquo et antiquissimum" ed è evidente da quest'ultima trascrizione, che i Vescovi vi avevano beni. Nell'anno 1267 il vescovo di Vicenza Beato Bartolomeo (1255-1270) investiva un certo Tebaldo da Gambugliano "de una pecia terre que potest esse quatuor campi apud castellum". Secondo alcuni studi e osservazioni del Mantese e del Canova, sullo studio dei castelli vicentini, si pensa che esso esistesse già prima del secolo X e di origine e derivazione di una torre di guardia e segnalazione di epoca romana.

Passato il periodo medioevale, Gambugliano, dopo varie vicissitudini, seguì le sorti di Vicenza all'interno della Serenissima Repubblica, fino alla sua caduta.

Con la Restaurazione Europea, i Comuni nel 1815 furono ridotti da 131 a 123 nel vicentino e tra questi proprio Gambugliano. A quel tempo Gambugliano da dominante fu accorpato a quello di Monteviale e alla frazione stessa di Monte San Lorenzo che a fasi alterne è stata anch'essa un comune autonomo nel corso del XVIII secolo. Con questo accorpamento iniziarono dissapori e contestazioni con Monteviale ritenuto gravoso per la gestione economica di Gambugliano. Dopo anni di duri scontri e contrapposizioni, dopo l'annessione del Veneto al Regno d'Italia, avvenuta nel 1866, venne sancita nel 1905, la definitiva separazione di Gambugliano da Monteviale.”